ViaggiAzalay, turismo consapevole in Egitto

  Home > Informazioni utili > Cibo e Bevande

martedý 20 ottobre 2020
 

CHI SIAMO
 
I NOSTRI VIAGGI  
INFORMAZIONI GIURIDICHE

INFORMAZIONI UTILI
Prima di partire
Con chi partire
Assicurazioni e documenti
Cibo e bevande
Droghe e imprevisti
Farmacia in valigia
Il modo migliore
Musica
Natura
Religione
Shopping
Sistemazione
Vaccinazioni
Valuta
Vestiti e valigie
Viaggiare

 
TURISMO CONSAPEVOLE
DARWISH  
TAPPETI & KILIM  
LINK  
VOI E L'EGITTO  
CONTACT  
Tipico pranzo egiziano

CIBO E BEVANDE

Il cibo e le bevande sono parte della cultura di ogni popolo e segni immediati del grado di civiltà, fantasia e religiosità. Oltre che dell'attaccamento alle tradizioni. E' bene assaggiare sempre prima di giudicare.
E' saggio non bere acqua corrente e bibite con ghiaccio nei paesi tropicali, se non ci viviamo da lungo tempo.
Se i prezzi del ristorante sono alti e non ci va di restare, non dobbiamo vergognarci di alzarci e andare via.
Sempre e ovunque, i cibi dei poveri sono più buoni, nutrienti e facili da digerire.
Se un ristorante è semi-vuoto all'ora di punta, puzza di fritto o esala cattivi odori, ha troppi piatti nella lista, ha assunto dei camerieri che fumano in servizio, non ha il prezzo di ogni piatto segnato sulla lista, se offre molti piatti freddi o ne ha troppi esposti nel buffet, se ha stoviglie o posate sporche o cani e gatti all'interno, allora è un ristorante da evitare. In tutto il mondo.
La frutta, magari sbucciata, è sempre buona a tutte le latitudini.
Se il servizio non è incluso ed è stato buono, lasciamo un 10-15% del totale come mancia.
Evitiamo i pregiudizi: anche in Gran Bretagna ci sono ottimi piatti di antica tradizione ( prosciutti, salmone, bistecche, agnello, cervo, dolci ).
In alcuni paesi ( Grecia, Brasile, Messico ) i piatti grossomodo sono sempre gli stessi. Non prendiamocela: sono buonissimi, e il cibo non è tutto.
In molti paesi in via di sviluppo è più sicuro mangiare alla buona, per la strada, che in un ristorante.
In India, per esempio, dove vanno gustati i cibi cotti nella terra e nei "baracchini", dove senz'altro si evita il contatto con topi e scarafaggi.
Meglio i ristoranti dove i cibi vengono preparati a vista.
Occhio all'aria condizionata, in paesi come l'Egitto e gli Stati Uniti. Attenzione anche al rispetto delle norme sul fumo ( non troppo in Egitto, per ora ). Evitiamo i ristoranti italiani all'estero, se possibile.
Se un popolo mangia e beve in una determinata maniera, non è né un caso, nè uno strano gioco del destino. Piuttosto, può essere molto interessante scoprire la storia culinaria di un paese e le ragioni dell'uso di certi alimenti preparati in un certo modo, magari per motivi climatici, fisiologici, etc.
Non sempre il vino della casa è quello giusto. Magari una bottiglia è migliore.
In caso di grandi incertezze, con una birra, possibilmente fresca, ci si salva sempre.

NEWS
05/07/2021
TAJIKISTAN E AFGHANISTAN CON MAURIZIO ROSSI: DALL'ALTIPIANO DEL PAMIR AL CORRIDOIO DEL WAKHAN ATTRAVERSO IL TRATTO PIU' REMOTO DELLE VIE DELLA SETA DAL 5 AL 22 LUGLIO 2021
18 GIORNI ATTRAVERSO IL TRATTO PIU' REMOTO, MISTERIOSO, SCONOSCIUTO DELLA VIA DELLA SETA, IN SICUREZZA E LONTANI DALLE ROTTE TURISTICHE, IN COMPAGNIA DI POPOLI FAVOLOSI

08/10/2020
Visita alla mostra "Monet e gli Impressionisti" a Bologna
Giovedý 8 ottobre alle 19 davanti a Palazzo Albergati, Via Saragozza, 28. Per info e prenotazioni: maurizio.rossi@viaggiazalay.co m

03/10/2020
"SANTO IO SANTO TU. Santi sotto le due Torri" Mostra di Roberta Dallara
Inaugurazione 3 ottobre ore 18.00 BASILICA SANTI BARTOLOMEO e GAETANO, BOLOGNA

 
   
< indietro     ^ top   

   
   

VIAGGIAZALAY ®
Email: info@viaggiazalay.com

Conceived and developer by Hg Lab