ViaggiAzalay, turismo consapevole in Egitto

  Home > Darwish

sabato 5 dicembre 2020
 

CHI SIAMO
 
I NOSTRI VIAGGI  
INFORMAZIONI GIURIDICHE
INFORMAZIONI UTILI  
TURISMO CONSAPEVOLE

DARWISH
L'autre lettre
Libri e Musica
Sufismo e danza

 
TAPPETI & KILIM  
LINK  
VOI E L'EGITTO  
CONTACT  
Particolare di antica abitazione egizia

DARWISH

Il movimento universale dei dervisci roteanti, detto anche "Sema", nasce nell'ispirazione del Mevlana, l'afghano Rumi, e fa parte delle tradizioni, della storia e della cultura turche.
Esso simbolizza in sette fasi cicliche i diversi significati del percorso mistico verso la perfezione.
Anche la scienza contemporanea conferma che la condizione fondamentale della nostra esistenza è il ritorno: La materia si trasforma, ritorna a vita, elettroni e protoni tornano e riunirsi nella nascita dell'atomo, elemento costituente della più piccola particella di stelle nel cielo.
Così l'uomo viene dalla terra e alla terra ritorna.
Ma si tratta di rivoluzioni naturali, inconsapevoli.
L'uomo possiede una mente, che lo distingue e lo rende superiore a tutto ciò che lo circonda.

La cerimonia del Sema rappresenta il cammino mistico dell'ascesa spirituale umana attraverso la mente e l'amore fino al Kemal, la perfezione.
Muovendosi nella sincerità e crescendo nell'amore, l'uomo desertifica il proprio ego, trova la verità e raggiunge la perfezione.
Quindi ritorna al suo cammino spirituale come un uomo maturo, di volta in volta più vicino alla perfezione, in grado di amare e servire la creazione e le sue creature, senza discriminazioni di classi, razze, credi…
Il derviscio, con il suo alto copricapo ( che rappresenta la pietra tombale del suo ego ) e il suo camice bianco ( la gabbia del suo ego ), rinasce spiritualmente alla verità, facendo scivolare dalle spalle il pesante mantello di lana nera dei sufi.

All'inizio di ogni fase il derviscio incrocia le braccia per rappresentare il numero uno, testimoniando in questo modo l'unità di Dio.
Quando apre le braccia, la sua mano destra si dirige verso il cielo, pronta a ricevere l'energia divina, la sua sinistra verso la terra, e ruota da destra a sinistra, trasformandosi in un intermediario dello spirito divino tra il cielo e la terra, abbracciando con la rotazione l'umanità e la creazione con amore e tenerezza smisurate.
La cerimonia comincia con un elogio al Profeta, "Nat-i-Sherif", che ricorda la forza dell'amore e di tutti i Profeti precedenti.
L'elogio è seguito da un rullare di percussioni, simbolo dell'ordine divino della Creazione, "Kun=Be".
Poi seguono gli altri strumenti, in una improvvisazione, "taksim", e un suono di "ney" che rappresenta il primo respiro che da a ogni essere la vita: il Soffio Divino.

La quarta parte della cerimonia consiste nel saluto reciproco dei dervisci e nella triplice roteazione "Devri Veledi" accompagnata dalla musica detta "peshrev" che simbolizza il saluto tra le anime che concilia corpo e spirito.
Il centro della cerimonia, il Sema ( l'abbandono estatico ) consiste nei quattro saluti o "Salam".
Al termine di ogni saluto, il derviscio testimonia con la propria presenza l'unità in Dio.
Il primo saluto é la nascita dell'uomo nella verità attraverso l'apertura della mente e rappresenta la sua concezione di Dio come creatore e il suo stato di creatura.
Il secondo esprime lo stato di rapimento dell'uomo di fronte allo splendore della creazione, all'onnipotenza e all'immensità di Dio.
Il terzo saluto è l'abbandono nell'amore e il sacrificio della ragione all'amore stesso.

E la totale sottomissione, l'annichilimento del sé nell'Unico Amato, è unità.
Questo stato di estasi il più alto grado dell'essere, è detto Nirvana nel Buddhismo e "Fenafillah" nell'Islam.
Tuttavia il più alto livello raggiunto nell'Islam è quello del Profeta, chiamato servo di Dio e Suo messaggero: lo scopo del Sema non è tanto l'estasi ininterrotta e la perdita di coscienza, ma la realizzazione nella sottomissione a Dio.

Il quarto saluto: così come il Profeta ascende al trono di Dio per ritornare alla sua missione terrena, il derviscio in estasi, seguendo l'ispirazione del suo percorso spirituale, ritorna al suo obiettivo, il sua esistenza di sottomissione a Dio, ai suoi Libri, ai suoi Profeti e alla Creazione. ( Sura Al Bakara, versetto 285 )
Al termine del saluto, torna a unire le braccia, per rappresentare l'unità di Dio, coscientemente e sentimentalmente.
La sesta parte del Sema è lettura coranica, specialmente il versetto 115 della Sura della Vacca ( Bakara ): "L'essenza di Dio appartiene all'oriente come all'occidente, e dovunque ti volterai, là ci sarà Dio. Egli è Colui che abbraccia ogni cosa, Colui che tutto conosce".
La cerimonia termina con una preghiera per la pace delle anime di tutti i Profeti e di tutti i credenti.
Dopo il compimento del rituale del Sema tutti i dervisci ritornano silenziosamente alle loro celle per la meditazione (tefekkur).

NEWS
05/07/2021
TAJIKISTAN E AFGHANISTAN CON MAURIZIO ROSSI: DALL'ALTIPIANO DEL PAMIR AL CORRIDOIO DEL WAKHAN ATTRAVERSO IL TRATTO PIU' REMOTO DELLE VIE DELLA SETA DAL 5 AL 22 LUGLIO 2021
18 GIORNI ATTRAVERSO IL TRATTO PIU' REMOTO, MISTERIOSO, SCONOSCIUTO DELLA VIA DELLA SETA, IN SICUREZZA E LONTANI DALLE ROTTE TURISTICHE, IN COMPAGNIA DI POPOLI FAVOLOSI

13/12/2020
RACCONTI DI DONNE CELEBRI, COLTE, POTENTI TRA I CAPOLAVORI DELLA CERTOSA DOMENICA 13 DICEMBRE CON MAURIZIO ROSSI
Domenica 13 dicembre davanti ai cancelli del Chiostro Maggiore in Via della Certosa a fianco del civico 18 alle 10

06/12/2020
STORIA DELLA MASSONERIA FELSINEA: UNA PASSEGGIATA IN CERTOSA CON MAURIZIO ROSSI DOMENICA 6 DICEMBRE 2020
Visita guidata domenica 6 dicembre alle 10 del mattino, ritrovo ai cancelli del Chiostro Maggiore, esterno, Via della Certosa a fianco del Civico 18

 
   
< indietro     ^ top   

   
   

VIAGGIAZALAY ®
Email: info@viaggiazalay.com

Conceived and developer by Hg Lab