ViaggiAzalay, turismo consapevole in Egitto

  Home > I nostri viaggi > LA STRADA DEI RE:

lunedì 16 dicembre 2019
 

CHI SIAMO
 

I NOSTRI VIAGGI
 
INFORMAZIONI GIURIDICHE
INFORMAZIONI UTILI  
TURISMO CONSAPEVOLE
DARWISH  
TAPPETI & KILIM  
LINK  
VOI E L'EGITTO  
CONTACT  
Deserto egiziano
I NOSTRI VIAGGI

Cod. CARE01
LA STRADA DEI RE:

Abstract: 15 giorni, partenza da Roma per Teheran con accompagnatore-guida archeologo. Rientro da Teheran su Roma. Pensione completa.


Descrizione: Montagne, oasi, deserti; architettura e arte; Shiraz, capitale letteraria della Persia, la città zoroastriana di Yazd e il mito di Zaratustra; Ardestan e la dinastia selgiuchide, le rovine di Susa e i loro seimila anni; Choga Zanbil, capitale elamita, e Persepoli, simbolo dell’impero achemenide; le tombe reali di Naqch-e-Rostam e la tomba di Ciro il Grande a Pasargade.
I musei di Susa e Teheran; le moschee e i bazar di Isfahan, perla raffinata di cultura persiana; l’ospitalità, i costumi, le tradizioni degli Iraniani.
La sistemazione è prevista nelle migliori strutture esistenti in ogni località: servizi e manutenzione degli hotel non corrispondono agli standard europei.
I trasferimenti avvengono in minibus privati.
Le stagioni più gradevoli per questo viaggio sono la primavera e l’autunno: trattandosi di regioni interne dal clima continentale, freddo e caldo sono eccessivi, benché secchi, d’inverno e, rispettivamente, d’estate.
Si tratta di un approccio ben studiato a uno dei più grandi imperi della storia universale, sebbene vengano offerte, in questo itinerario di stravolgente fascino, suggestivi e mutevoli ambienti naturali, e contatti intensi con un popolo che ancora non conosce i grandi flussi turistici.
Alcuni percorsi sono inevitabilmente lunghi e faticosi, mentre rispetto alle infrastrutture, soprattutto fuori dai grossi centri, è richiesto un certo spirito di adattamento, oltre che un approccio alla realtà culturale del Paese libero da pregiudizi e nel pieno rispetto delle regole islamiche e della tradizione locale: ciò impone di adottare un abbigliamento conforme.
Il programma è arricchito dalla visita di due interessanti centri di produzione di tappeti, tele e kilim, a Kerman e a Isfahan.
Giorno per giorno, le tappe…


Timeline: 1° giorno: Roma-Teheran, con volo di linea, arrivo previsto in serata. La capitale iraniana si trova ai piedi dei Monti Elburz, a 1100 metri di altitudine. Trasferimento, cena e pernottamento in hotel.
2° giorno: Visita del Museo Archeologico, trasferimento in aeroporto e partenza per Ahwaz, base per la visita dei siti archeologici del Khuzestan. Pensione completa in hotel.
3° giorno: partenza per Choga Zanbil, dichiarata “Patrimonio culturale dell’Umanità” dall’Unesco, dove si visiterà una “ziggurat”, tempio piramidale che si innalza su tre dei cinque piani originali per un’altezza di 25 metri, ed è considerato dagli esperti la migliore testimonianza esistente di architettura elamita. Proseguimento per l’area archeologica di Shush (Susa), distante 45 km.
Fondata intorno al 4000 a.C. lungo il margine meridionale dell’altopiano iranico, Susa fu capitale invernale sotto il regno di Dario I (Ecbatana, l’odierna Hamadan, era la capitale estiva) è una tappa importante sulla strada regia persiana realizzata dallo stesso Dario nel VI secolo a.C., che si snodava per oltre 2500 chilometri dal Mediterraneo a Persepoli, attraverso il formidabile impero.
A Susa furono riportati alla luce splendidi vasi, il “Codice di Hammurabi” (1750 a.C.), esposto al Louvre, e le più antiche rappresentazioni della ruota.
Rientro ad Ahwaz dopo le visite. Pensione completa.
4° giorno: Partenza per Shiraz, 560 km circa. Sosta a Bishapur durante il percorso e visita delle rovine di epoca sassanide circondate a un suggestivo scenario di rocce.
Arrivo nella valle di Shiraz, a 1525 metri di altitudine, e sistemazione in hotel in serata. Pensione completa.
5° giorno: Si raggiunge Pasargade, 130 km da Shiraz, dove Ciro il Grande, fondatore dell’Impero persiano, eresse la sua capitale nel 559 a.C. La sua tomba, tra le rovine ella città, è austera, suggestiva, essenziale.
Si prosegue per Naqch-e-Rostam, la necropoli dei Re: Dario I e Dario II, Serse e Artaserse.
Vi si ammirano anche un tempio del fuoco achemenide e bassorilievi di epoca sassanide.
A tre km. si trova Persepoli, grandiosa capitale cerimoniale achemenide, voluta da Dario I nel 518 a.C. e completata dai suoi successori nei due secoli seguenti: uno dei più imponenti complessi di antiche rovine esistenti.
Rientro a Shiraz al termine delle visite, pensione completa.
6° giorno: dedicato alla visita di Shiraz, capitale di alcune dinastie; vi si trovano i mausolei di Hafez e Sa’adi, due fra i più grandi poeti persiani, i giardini Bagh-e-Eram (“del Paradiso”), la cittadella di Karim Khan e il vecchio bazar, uno dei più suggestivi in Iran per atmosfera e architettura. Pensione completa.
7° giorno: si prosegue verso est fino alla provincia di Kerman, il deserto sabbioso di Dasht-e-Lut, le coltivazioni di palma da dattero e pistacchio; 555 km. tra aride steppe e montagne, punteggiate da verdi oasi sapientemente irrigate da ingegnose opere di canalizzazione. Arrivo in serata a Kerman e sistemazione in hotel. Pensione completa.
8° giorno: visita di Kerman, a 1750 metri di altitudine, uno dei principali luoghi di sosta lungo le rotte commerciali asiatiche, città dagli edifici storici ben conservati e dal fiorente bazar, importante centro di produzione dei tappeti: al laboratorio di tessitura verranno mostrate le fasi di lavorazione di vere e proprie opere d’arte, secondo tecniche tramandate nei secoli.
La tintura della lana con colori naturali, la scelta del disegno, la tessitura: il tappeto di Kerman è fra i più pregiati, sia per la qualità delle lane che per la ricchezza delle decorazioni. Pensione completa.
9° giorno: dedicato a un’escursione alle oasi di Bam e Mahan, un percorso di 390 km in totale, attraverso il deserto di Dasht-e-Kavir, per raggiungere la cittadella fortificata di argilla rossa che fece da magnifico sfondo ad alcune riprese del film di Valerio Zurlino ispirato a “Il deserto dei Tartari” di Dino Buzzati, oggi pesantemente danneggiata dal terribile terremoto del 27 dicembre 2003, e il grazioso villaggio su cui si staglia la cupola azzurrina del mausoleo del XVI secolo di Nur ed-Din Nimat Allah, poeta, mistico e teologo dei dervisci roteanti. Rientro in serata a Kerman. Pensione completa.
10° giorno: 350 km di percorso in direzione nord-ovest, attraverso la steppa e il deserto, interrotti di tanto in tanto da oasi coltivate, fino a Yazd, a 1230 metri di altitudine, ai margini dei deserti di Dasht-e-Kavir e Dasht-e-Lut. Sistemazione in hotel e visita della città. Pensione completa.
11° giorno: importante tappa lungo la carovaniera percorsa dai mercanti che esportavano le sete e i tappeti, visitata da Marco Polo nel 1272, che la descrisse splendente di moschee, storica roccaforte dei seguaci di Zaratustra, le cui più significative testimonianze sono rappresentate dalle Torri del Silenzio e dal Tempio del Fuoco in cui arde la Fiamma Sacra, Yazd riserva al viandante un fascino di natura selgiuchide e mongolica, oltre alla sorpresa delle sue originalissime abitazioni con le caratteristiche torri di areazione, i “badjir”, e al celebre bazar, che sarà esplorato nel pomeriggio, terminata la visita della città che proseguirà dal primo mattino. Pensione completa.
12° giorno: partenza alla volta di Isfahan, attraverso un itinerario di circa 37° km che alterna montagne a distese desertiche e che tocca la città di Nain, celebre per la moschea dal magnifico “mirhab” e considerata una delle più antiche in Iran.
Si prosegue per Zavareh e Ardestan, con celebri moschee di epoca selgiuchide (1037-1206).
In serata si giunge nel cuore della perla safavide. Sistemazione in hotel, pensione completa.
13° giorno: Per secoli crocevia di carovane e commerci che hanno formato le basi per lo sviluppo di una clase borghese ricca e colta, Isfahan è una città elegante che incanta per armonia, linearità e bellezza dei suoi monumenti.
La sua storia è antichissima, ma è al tempo dei Safavidi, durante il regno di Abbas I (1587-1629), sovrano colto e illuminato, che Isfahan si arricchì di splendide moschee, magnifici palazzi, piazze eleganti e raffinate dimore, divenendo un centro culturale e artistico a livello mondiale.
Saranno visitati i luoghi simbolici di tanta bellezza: Piazza dell’Imam, stagliata sullo sfondo di cupole, minareti, colonnati e arcate; l’elegante moschea di Sheikh Lotfollah, i palazzi di Ali Qapu e Chehel Sotun, il minareto e la moschea dell’Imam, la moschea del Venerdì, il bazar, la chiesa di Vank e gli antichi ponti sul fiume con le affascinanti sale da tè. Pensione completa.
14° giorno: prosegue la visita di Isfahan; trasferimento in aeroporto e partenza per Teheran in serata.
Sistemazione in hotel. Pensione completa.
15° giorno: trasferimento in aeroporto dopo la prima colazione e partenza per Roma, dove l’arrivo è previsto in mattinata.


Mezzo di trasporto: Voli di linea e mini bus privati.

Costo: 3680 euro a persona, escluse mance e bevande. Lo standard degli hotel, 4 e 5 stelle, non corrisponde a quello europeo. [Nota]

Informazioni giuridiche

  Stampa


NEWS

05/07/2020
TAJIKISTAN E AFGHANISTAN CON MAURIZIO ROSSI: DALL'ALTIPIANO DEL PAMIR AL CORRIDOIO DEL WAKHAN ATTRAVERSO IL TRATTO PIU' REMOTO DELLE VIE DELLA SETA DAL 5 AL 22 LUGLIO 2020
18 GIORNI ATTRAVERSO IL TRATTO PIU' REMOTO, MISTERIOSO, SCONOSCIUTO DELLA VIA DELLA SETA, IN SICUREZZA E LONTANI DALLE ROTTE TURISTICHE, IN COMPAGNIA DI POPOLI FAVOLOSI

03/02/2020
GILF EL KEBIR: OLTRE OGNI VIA
DAL 3 AL 24 FEBBRAIO CON MAURIZIO ROSSI UN EGITTO SENSAZIONALE,MISTERIOSO, SCONOSCIUTO. PRENOTAZIONI ENTRO IL 2 GENNAIO 2020: maurizio.rossi@viaggiazalay.com

03/03/2018
TREKKING CULTURALI A BOLOGNA CON MAURIZIO ROSSI PER L'ASSOCIAZIONE AZALAI
Per tutti i giorni dell'anno su richiesta e secondo disponibilità prenotando a: maurizio.rossi@viaggiazalay.com Durata: 3 ore (7 ore la giornata intera con sosta pranzo)

 
   
< altri viaggi     < indietro     ^ top   

   
   

VIAGGIAZALAY ®
Email: info@viaggiazalay.com

Conceived and developer by Hg Lab